Eventi

SPM turns 70

SPM turns 70 2560 2048 SPM

fonte: Varesenews

Durante la festa dei 70 anni della Spm spa, azienda metalmeccanica di Brissago Valtravaglia che dà lavoro a oltre 350 persone, la parola che è risuonata più volte è stata: “famiglia”. A pronunciarla nelle loro testimonianze sono stati soprattutto i lavoratori. Un dettaglio che ha un grande significato perché le parole che usiamo sono quelle che formano il nostro paesaggio interiore. Come non è trascurabile il fatto che tra le maestranze premiate ci fossero due lavoratori «dalle mani d’oro», uno di 78 anni, Luigi Aresi, e l’altro di 71 anni, Salvatore Genuardi,  accolti da un’ovazione e considerati ancora dei capisaldi dell’azienda. Proprio come accadeva nelle famiglie di un tempo, dove i “vecchi” avevano un ruolo fondamentale nel tramandare il sapere e tenere coeso il gruppo parentale. Per un’azienda diremmo: “il team”. (nella foto da sinistra: Giovanni Berutti con i figli Beatrice e Stefano)

IL CAPITALISMO FAMILIARE VINCENTE

Nel suo discorso, il presidente Giovanni Berutti, seconda generazione in azienda, lo ha sottolineato con un esempio calcistico: «Il Paris Saint Germain è pieno di fuoriclasse, ma non vince perché non è una squadra».
La Spm è la rappresentazione perfetta di quel capitalismo familiare che ha permesso all’Italia di uscire dalle secche della povertà del secondo dopoguerra e di diventare una delle principali potenze industriali al mondo. Sono stati imprenditori come Giampiero Berutti e la moglie Mirella a rimettere in piedi un Paese in macerie e a portare il Made in Italy in cima ai desideri dei mercati internazionali.

spm 70 anni

da sinistra: Luigi Aresi e Salvatore Genuardi una vita di lavoro in Spm

DIVENTARE SOCIETÀ BENEFIT

Giovanni Berutti è ben consapevole del ruolo che ha la sua azienda sul territorio, che non è solo economico e produttivo, cioè finalizzato al profitto, che pure è importante. L’azienda è una comunità di persone che interagisce con il mondo esterno e pertanto è tenuta ad ascoltare tutti i portatori di interesse, non solo gli azionisti, a qualsiasi livello. Il presidente della Spm è così consapevole del ruolo sociale dell’impresa che, insieme ai due figli, la terza generazione, ha deciso di passare a società benefit. Una scelta che obbliga la manifattura di Brissago a integrare il suo statuto e il relativo oggetto sociale con uno scopo ulteriore dichiarato e sottoscritto davanti a un notaio: avere un impatto positivo sulla società e sull’ambiente. Cosa che già avviene nei fatti, ma che una volta formalizzata proietta la Spm verso un paradigma più evoluto e ben gradito ai numerosi clienti internazionali, in particolare a quelli dei settori automotive, sport e fashion. Parliamo, nel primo caso, di colossi del calibro di Bmw, Ferrari, Lamborghini e Abarth, solo per citarne alcuni. Nel secondo caso, di tutte quelle manifestazioni sportive di qualsiasi livello, sia amatoriale che olimpico e mondiale, che necessitano di materiali per la sicurezza, come  l’automobilismo, il cilismo e lo sci.
A proposito di sci alpino, fu proprio Giampiero Berutti a brevettare il paletto snodabile in plastica, utilizzato ancora oggi. E lo fece per amore di suo figlio Giovanni, che dopo una gara di slalom era tornato a casa con una ferita a una gamba causata dalla scheggia di un paletto rigido in legno. Fu un’autentica rivoluzione marcata Spm.

BUROCRAZIA CANAGLIA

Non sono tutte rose e fiori per la famiglia Berutti. Nel suo discorso, il presidente ha sottolineato alla presenza degli amministratori pubblici interessati, tra cui il sindaco di Brissago Valtravaglia, Maurizio Badiali, e il presidente della Provincia di Varese, Marco Magrini, la perenne lotta con la burocrazia canaglia che crea un contesto poco favorevole all’impresa. «Non è accetabile che per un’azienda che crea in due anni oltre cento posti di lavoro – ha detto Berutti – non si riesca a trovare una soluzione rapida per garantire a tutti di parcheggiare in prossimità dell’azienda. Non è possibile che ci vogliano anni per una variante edilizia».
Che i tempi della burocrazia italiana non siano compatibili con i tempi delle aziende, è ormai una verità assodata. Ma tutto assume il sapore della beffa quando è la mancanza di buon senso a orientare le decisioni della pubblica amministrazione. La Spm, come tante altre aziende di medie dimensioni, ha un welfare aziendale molto avanzato, questo spiega la forte fidelizzazione dei lavoratori, nonostante la vicinanza con il confine svizzero che attrae moltissimi lavoratori italiani. Tra i servizi offerti c’è anche un micronido aziendale aperto sia ai figli di chi lavora in Spm che agli esterni. Ebbene, questa struttura, che quest’anno ha ospitato diciannove bambini da zero a tre anni, rischia di chiudere a breve. «Secondo i parametri dell’Ats – ha detto l’imprenditore – sono richiesti 7,5 metri quadri a bambino. Poiché mancano alla superficie totale dell’edificio che li ospita qualche centimetro quadrato a bambino, non possiamo ospitare il numero di bambini previsto, che è il numero minimo necessario per consentire di gestire i conti».

spm 70 anni

un momento della festa alle Ville Ponti di Varese

CONFINDUSTRIA VARESE INTERVERRÀ

La burocrazia ha dunque deciso che con tutta l’acqua butterà via anche il bambino. Una cosa frustrante, a maggior ragione in un Paese dove la denatalità e il calo demografico sono il vero problema da affrontare. «È assurdo sentire queste cose – ha commentato a caldo Roberto Grassi, presidente di Confindustria Varese – come associazione daremo sicuramente una mano per trovare una soluzione al caso. L’attaccamento a tutto il territorio di questa azienda è un dato di fatto, così come l’impegno a creare valore con l’istituzione del nuovo percorso scolastico nel Luinese con la scuola di meccatronica. La Spm è un esempio di azienda di valore».

LA TERZA GENERAZIONE STA GIÀ COSTRUENDO

La stirpe Berutti sembra però molto solida. I due figli di Giovanni, Beatrice e Stefano, rispettivamente laureati in economia e in ingegneria gestionale, hanno deciso di entrare in azienda dopo aver fatto esperienza pe quasi dieci anni fuori dalla fabbrica di famiglia. «Non era per niente scontato – ha concluso il padre dei due giovani imprenditori – ma hanno fatto un buon colloquio e si sono convinti che l’azienda poteva fare per loro. Hanno scelto di fare gli imprenditori. Una scelta non certo facile e tantomeno comoda che di sicuro riserverà loro tanti mal di pancia ma anche tante soddisfazioni, come le ha riservate a me».

SPM sostiene Fisdir Ski Race Cup, primo circuito nazionale di gare per disabili intellettivi

SPM sostiene Fisdir Ski Race Cup, primo circuito nazionale di gare per disabili intellettivi 1440 2560 SPM

Dal Sogno di una ragazzina al primo circuito nazionale

Nasce la Fisdir Ski Race Cup, un’entusiasmante avventura che unisce la concretezza alla passione per lo sci alpino e alla missione di accompagnare i disabili intellettivi verso l’integrazione nella società.

SPM è partner di questo circuito di gare alla sua prima edizione: “Siamo molto onorati di essere parte di un progetto così importante. Da più di un anno siamo quotidianamente al fianco di Rebecca nei suoi allenamenti e poter sostenere lei e la Fisdir Ski Race Cup è motivo di grande orgoglio. Da sempre SPM pone molta attenzione alla dimensione sociale ed educativa dello sport e in tal senso poter veicolare messaggi importanti e valori preziosi è un impegno verso le nuove generazioni”, dichiara Beatrice Berutti, da settembre head of Business & Developement per il settore dello Sport di SPM.

Questo straordinario circuito nazionale, dedicato agli atleti con disabilità intellettiva, è il risultato di una collaborazione senza precedenti tra il Comitato Organizzatore Fisdir Ski Race Cup e la Federazione Italiana Sport Paralimpici degli Intellettivo Relazionali (FISDIR). È un esempio tangibile di come il mondo privato e quello pubblico possano unirsi per colmare vuoti importanti nel panorama sportivo.

La Fisdir Ski Race Cup nasce dall’idea che, per un disabile intellettivo, lo sci alpino sia uno strumento straordinario per creare energia positiva: autonomia, competenze ed autostima utili nello sport e nella vita. “The Intellectually Impaired Revolution”, questo lo slogan che accompagnerà il percorso della Ski Race Cup, circuito nazionale di sci alpino Fisdir.

La scintilla che ha acceso questa iniziativa nasce dalla carenza di opportunità per gli atleti con disabilità intellettiva nel contesto dello sci alpino. Grazie al successo della prima manifestazione al Passo del Tonale nel febbraio 2023, associazioni e privati cittadini provenienti da Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige hanno dato vita al Comitato Organizzatore, portando così alla creazione del circuito nazionale.

La Fisdir Ski Race Cup è molto più di una competizione sportiva. È un viaggio che inizia il 20-21 gennaio 2024 a Sestriere (TO) e attraversa luoghi come Tarvisio (UD), Folgaria (TN) e culmina nella grande finale al Passo del Tonale (BS) il 23-24 marzo 2024.

Ogni meeting (nome coniato dall’atletica leggera per attribuire un’importanza maggiore rispetto ad una singola gara o tappa) non è solo una gara, ma un’esperienza completa che include sessioni di allenamento, opportunità di confronto tra atleti e tecnici e momenti di inclusione che vanno oltre il tracciato, creando una vera comunità.

Il formato innovativo del circuito è progettato per ampliare la partecipazione degli atleti con disabilità intellettiva, guidandoli verso l’eccellenza attraverso un percorso di allenamento consapevole. Oltre a fornire opportunità di confronto agonistico a livello nazionale, il circuito è un veicolo per promuovere non solo l’inclusione nella società, ma l’integrazione nella stessa, fornendo solide competenze agli atleti partecipanti.

I territori coinvolti nel circuito sono caratterizzati dalla forte vocazione montana e dalla sensibilità delle comunità locali. Il Passo del Tonale è stato scelto per la sua posizione baricentrica rispetto all’arco alpino, rendendolo facilmente accessibile a società sportive provenienti da ogni angolo.

Partendo dal sogno di Rebecca Maestroni e dalla prima gara interregionale FISDIR dal 2023, questo circuito è ora una realtà concreta grazie all’impegno di famiglie, sostenitori e appassionati.

Quando i sogni sono accompagnati dalla concretezza, diventano realtà tangibili. Oggi, celebriamo non solo uno sport (lo sci alpino), ma un movimento che ha creato opportunità di inclusione e integrazione per gli atleti con disabilità intellettiva.

Siamo pronti a scivolare lungo le piste della passione, dell’inclusione e della determinazione. Vi aspettiamo con cuori aperti e sci pronti a sfrecciare verso un futuro di sfide e conquiste.

Insieme, facciamo della Prima Fisdir Ski Race Cup un trampolino di speranza e successo per tutti!

Oltre a SPM, tra i sostenitori che hanno creduto in questo progetto ricordiamo Syngroup (consulenti per l’efficienza aziendale), &Forward (consulting and training for profitable growth), Guala Closures (azienda leader nella produzione di chiusure per liquori, vino, olio, acqua ed altre bevande), Chiomenti (primario studio legale con sedi in Italia e all’estero), Ones Media House (la casa Media degli atleti e dei brand dello sport), Bain & Company (società di consulenza globale che aiuta le aziende più ambiziose a definire il proprio futuro) e Vanzetta & Associati (studio di consulenza fiscale societaria.

SPM partner ufficiale dei CLEAN UP DAYS per sensibilizzare i più piccoli alla sostenibilità ambientale

SPM partner ufficiale dei CLEAN UP DAYS per sensibilizzare i più piccoli alla sostenibilità ambientale 706 1000 SPM

Sensibilizzare i più piccoli alla sostenibilità ambientale. Questo l’obiettivo del progetto CleanUp Days, iniziativa promossa da Amsi sostenuta da SPM in qualità di partner ufficiale, insieme a Kinder Joy of Moving e Level Gloves. Gli attori principali sono gli allievi che hanno partecipato al 45° GranPremio Giovanissimi che, in una serie di tappe su tutto il territorio italiano, hanno ripulito parti di aree sciabili dai rifiuti abbandonati insieme ai maestri delle Scuole Italiane di Sci.

“Siamo più che orgogliosi di esserci schierati al fianco del progetto Clean Up Days promosso da AMSI, già nostro partner in svariati eventi: crediamo in quest’iniziativa e pensiamo possa essere un’occasione per educare anche i più piccoli alla sostenibilità e alla salvaguardia dell’ambiente. Il nostro lavoro si radica sulle montagne e nasce dalla passione della famiglia Berutti per uno sport praticato in mezzo della natura, dunque non possiamo rimanere indifferenti e vogliamo rinnovare il nostro impegno per l’ambiente”, afferma Alessandro Galimberti, sales manager della divisione Sport di SPM.

Grazie a un kit specifico, formato da guanti per la raccolta dei rifiuti e speciali sacchi in juta, insieme a pettorine personalizzate (in modo da essere facilmente riconosciuti) i piccoli sciatori hanno individuato un’area da ripulire. Supportati dai Maestri di Sci delle diverse Scuole hanno iniziato la raccolta differenziata dei rifiuti, contrassegnando con un cartello ogni “Area Ripulita”.

I CleanUp Days prevedono, dopo lo smaltimento dei rifiuti e l’attività di report del lavoro svolto, la partecipazione a un Concorso in cui si potrà vincere un buono per l’acquisto di materiale didattico per la Scuola firmato SPM.

Le tappe in calendario dei CleanUp Days hanno coperto tutta la stagione estiva, con appuntamenti in 10 Regioni e il coinvolgimento di 11 Scuole Italiane Sci.

Le giovani generazioni, sappiamo, sono il nostro futuro e non esiste migliore contesto per cercare di educare i più piccoli anche alla sostenibilità e alla salvaguardia dell’ambiente.

 

Sicurezza e affidabilità: fornitori del Giro d’Italia 2022

Sicurezza e affidabilità: fornitori del Giro d’Italia 2022 1312 921 SPM

La nostra azienda Fornitore della storica manifestazione che si svolgerà dal 6 al 29 maggio prossimi: l’edizione 105° del Giro d’Italia.

La fornitura è molto corposa: più di 100 materassi SPM, in diverse forme e dimensioni, serviranno a proteggere gli ostacoli e i punti considerati più pericolosi dell’evento, tappa dopo tappa.

I nostri materassi, della linea TS10, rispondono alle esigenze di un organizzazione agile e itinerante quale il Giro d’Italia:

compatibilità con i diversi ostacoli, grazie anche a particolari chiusure (occhielli, lacci, cerniere)

elevata capacità di assorbimento di energia (più 100% rispetto ai materassi tradizionali)

leggerezza e semplicità d’uso, grazie alla speciale imbottitura in fogli e cilindri in polietilene

massima impermeabilità, grazie anche alla copertura in PVC ad alta resistenza (650 gr/mq)

possibilità di personalizzazione con i loghi degli sponsor.

 

Siamo davvero orgogliosi di supportare uno degli eventi sportivi più prestigiosi e amati del nostro Paese!

Vi aspettiamo a Mountain Planet!

Vi aspettiamo a Mountain Planet! 1000 563 SPM

Da martedì 26 a giovedì 29 Aprile saremo a Grenoble per la fiera di settore Mountain Planet.

Venite a trovarci allo stand Hall 11, Stand 1160

saremo in compagnia del nostro partner francese Vola Racing.

Per maggiori informazioni o per i biglietti, chiamate il commerciale di riferimento o scriveteci a sport@spmspa.it

Finali di Sci Alpino a Courchevel: in sicurezza con i nostri materiali!

Finali di Sci Alpino a Courchevel: in sicurezza con i nostri materiali! 2560 1920 SPM

Le gare a Courchevel iniziano oggi: mentre gli occhi sono puntati su chi si aggiudicherà le Coppe di Sci Alpino 2021/2022, il nostro Safety Team è in pista per assicurare loro la massima protezione.

Tra i numerosi materiali forniti per l’evento, ci siamo occupati della protezione delle piste con strutture di tipo A, reti e materassi di protezione in gommapiuma e air pads.

Un grazie particolare va al nostro partner francese, Vola Racing, che ha collaborato per questo importante progetto.

Auguriamo a tutti gli atleti in bocca al lupo e buon divertimento!

Scoprite tutti gli eventi, gli atleti e le squadre con cui collaboriamo: Partners

In Canada per i Campionati Mondiali Juniores di Sci Alpino

In Canada per i Campionati Mondiali Juniores di Sci Alpino 2016 1512 SPM

Si è tenuta ieri a Panorama (CAN) la cerimonia di apertura per i Campionati Mondiali Juniores 2022. Oltre 200 atleti provenienti da 80 diverse nazioni si sfideranno tra le nostre porte per vincere nelle diverse discipline.

L’evento festeggia il 40° anniversario ed entrerà nella storia come il primo appuntamento FIS Alpine World Junior Championships nel Canada occidentale.

Grazie anche alla storica partnership tra la nostra azienda, la nazionale Canada Alpin e il nostro distributore americano, World Cup Supply, per le gare verranno utilizzati materiali di allestimento e protezione SPM.

Dopo Schladming, corriamo a Cortina per la Coppa del Mondo Snowboard Cross

Dopo Schladming, corriamo a Cortina per la Coppa del Mondo Snowboard Cross 1200 801 SPM

Siamo ormai alle ultimissime gare prima delle Olimpiadi di Pechino!

Dopo il bellissimo spettacolo tra i nostri pali da slalom sulla Planai di Schladming (AUT), ci spostiamo a Cortina (IT) per un altra gara in notturna. Siamo infatti fornitori di pettorali, teli e materiali di protezione per la prima tappa di Coppa del Mondo Snowboard Cross che si svolgerà domani sera sulle piste di Cortina ISTA Ski Area. 

A Cortina abbiamo già partecipato ad altre competizioni durante questa stagione: a dicembre abbiamo fornito i materiali per il Parallelo di Coppa del Mondo Snowboard, mentre pochi giorni fa eravamo in pista per le gare femminili di Coppa del Mondo di Sci Alpino con reti e struttura di protezione di tipo A.

Questa settimana è l’ultima prima dell’inizio dei Giochi Olimpici di Pechino 2022. 

In Cina ci sono oltre 10 chilometri di reti di protezione, 230 strutture in ferro, 15 chilometri di reti, 107 materassi di protezione ad aria, 1.500 pali da slalom e molti altri materiali prodotti nella nostra sede e, naturalmente,  Made in Italy!

Seguiteci sui nostri canali social per scoprire tutte le novità riguardanti gli eventi!